Azienda Chi Siamo Lavori Marchi Tecnica Servizi Eventi
SALVAR S.N.C.

Energia Geotermica

 


Il sistema di climatizzazione geotermico è molto più efficiente dei sistemi tradizionali e fa parte delle fonti di energia rinnovabili come indicato dal “Libro Bianco dell’ Energia per il Futuro - Fonti di Energia Rinnovabili” COM97 dell’ Unione Europea.
Questa tecnologia è ampiamente sfruttata negli Stati Uniti e in Canada oltre che in molti Paesi dell’ Unione Europea, soprattutto Svizzera, Germania, Svezia, ma anche Spagna, Francia, Irlanda, Russia.
Il terreno contiene una inesauribile sorgente di calore I sistemi di riscaldamento e raffreddamento con pompe di calore geotermiche sfruttano il fatto che la temperatura del terreno, già a pochi metri di profondità, si mantiene grossomodo costante durante l’arco dell’anno: è, questa, una caratteristica comune a qualsiasi località del Pianeta, fortemente correlata all’azione della radiazione solare sulla crosta terrestre, che la trattiene e immagazzina sotto forma di energia pulita e rinnovabile .
La costanza della temperatura del suolo comporta un duplice benefico effetto: durante l’inverno il terreno si trova a temperature relativamente più calde dell’aria esterna; durante l’estate la temperatura è più bassa di quella dell’aria.

 

 

 

Come funziona un impianto Geotermico?

Esempio di impianto geotermico

 Come è noto ad ogni ingegnere, le pompe di calore sono macchine che spostano il calore in direzione opposta a quella in cui tenderebbe a dirigersi naturalmente, cioè da uno spazio o corpo più freddo verso uno più caldo. In realtà, una pompa di calore non è niente di più di un condizionatore (Rafferty, 1997).

Tutti gli apparecchi refrigeranti (condizionatori d’aria, frigoriferi, freezers, ecc.) estraggono calore da uno spazio (per mantenerlo freddo) e lo scaricano in un altro spazio più caldo. L’unica differenza tra una pompa di calore e un’unità refrigerante sta nell’effetto desiderato, il raffreddamento per l’unità refrigerante, ed il riscaldamento per la pompa di calore. Molte pompe di calore sono reversibili ed il loro funzionamento può essere invertito, potendo operare alternativamente come unità riscaldanti o raffreddanti.

Le pompe di calore richiedono energia elettrica per funzionare, ma, in condizioni climatiche adatte e con un buon progetto, il bilancio energetico è positivo. Sistemi con pompe di calore connesse al suolo o a masse d’acqua sono attualmente presenti in almeno trenta paesi e, nel 2003, la potenza termica totale installata era stimata a più di 9500 MWt. Il maggior numero di impianti si trova negli Stati Unti (500.000 impianti installati per un totale di 3730 MWt), in Svezia (200.000 per 2000 MWt), in Germania (40.000 per 560 MWt), in Canada (36.000 per 435 MWt), in Svizzera (25.000 per 440 MWt) e in Austria (23.000 per 275 MWt) (Lund et al., 2003). Per realizzare questi sistemi sono stati utilizzati terreni e masse idriche con temperature tra 5° e 30°C.

 


Riscaldamento Invernale

 

Il terreno ti presta il suo calore senza interessi

Quando durante l’inverno il terreno raggiunge una temperatura superiore a quella esterna, il fluido scende in profondità attraverso la Sonda Geotermica e sottrae energia termica al terreno.

Ritornato in superficie a una temperatura maggiore, provoca quindi l’evaporazione del refrigerante che circola nel sistema della pompa di calore.

In seguito il fluido cambia nuovamente stato, passando dallo stato gassoso a quello liquido e cedendo calore all’acqua, che è utilizzata come fluido vettore per il riscaldamento degli ambienti o per la produzione di acqua sanitaria.

 

 

Raffreddamento Estivo

 

In estate riduci il calore e aumenti il risparmio

Il sistema cede al terreno il calore estratto dall’ambiente interno rinfrescandolo. Generalmente per il condizionamento estivo si è costretti al raffreddamento delle macchine frigorifere con l’aria, la cui temperatura di riferimento estiva è di 32°C.

Utilizzando la Sonda Geotermica, la temperatura di riferimento è invece di circa 15° - 18° C e il salto di temperatura, nelle macchine che devono produrre acqua refrigerata, si riduce drasticamente. Di conseguenza, aumenta notevolmente la resa e si riducono notevolmente i consumi di energia e i costi di gestione. (Fonte Calbo)

 

 

 

 

 

salvar-nuovologo int